A Roma torna “La città della Pizza” con gustose novità

I migliori pizzaioli italiani. 120 ricette diverse. Birre artigianali e bollicine made in Italy. Il tutto in un’unica location per una tre giorni interamente dedicata alla pizza. Tutto questo è “La città della Pizza”, che avrà luogo a Roma, presso il Guido Reni District, dal 6 all’8 aprile.
Un evento all’insegna del gusto durante il quale sarà possibile conoscere alcuni fra i migliori maestri pizzaioli del nostro Belpaese, e soprattutto assaggiare le loro pizze, proposte al pubblico nelle varietà: margherita o marinara, cavallo di battaglia e limited edition.

A selezionare i partecipanti, il team di autori composto da Emiliano De Venuti, ideatore de La Città della Pizza e CEO di Vinòforum, dai giornalisti Luciano Pignataro, Luciana Squadrilli, Tania Mauri e dal maestro pizzaiolo Stefano Callegari. I pizzaioli protagonisti di questa edizione saranno:

Gabriele Bonci, Pizzarium, categoria “Al taglio” – Roma
Ciro Salvo, 50 Kalò, categoria “Napoletana” -Napoli
Giancarlo Casa, La Gatta Mangiona, categoria “All’italiana”- Roma
Ciro Oliva, Concettina ai Tre Santi, categoria “Fritta” – Napoli
Ciccio Vitiello, Casa Vitiello, categoria “Napoletana” – Tuoro (Caserta)
Petra Antolini, Settimo Cielo, categoria “A degustazione” – Settimo di Pescantina (Verona)
Famiglia Condurro, L’Antica Pizzeria da Michele, categoria “Napoletana” – Napoli
Stefano Vola, Vola Bontà per Tutti, categoria “A degustazione” – Santo Stefano Belbo (Cuneo)
Pierdaniele Seu, Seu Illuminati, categoria “All’Italiana” – Roma
Mirko Rizzo e Jacopo Mercuro, 180g Pizzeria Romana, categoria “All’italiana” – Roma
Cristiano Piccirillo, La Masardona, categoria “Fritta” – Napoli
Francesco Martucci e Sasà Martucci, I Masanielli, categoria “Napoletana” – Caserta
Matteo Aloe e Massimo Giuliana, Berberè, categoria “A degustazione” – Roma
Giuseppe Pignalosa, Le Parule, categoria “Napoletana” – Ercolano (Napoli)
Simone Lombardi, categoria “A degustazione” – Milano
Diego Vitagliano, Diego 10, categoria “Napoletana” – Napoli
Davide Fiorentini, O Fiore Mio, categoria “A degustazione” – Faenza
Edoardo Papa, In Fucina, categoria “A degustazione” – Roma
Isabella De Cham, categoria “Fritta” – Napoli
Graziano Monogrammi, La Divina Pizza, categoria “Al taglio” – Firenze
Filomena Palmieri, Pizzeria Da Filomena, categoria “Al taglio” – Castrovillari (Cosenza)
Massimo Giovannini, Apogeo, categoria “All’italiana” – Pietrasanta (Lucca)
Roberta Esposito, La Contrada, categoria “Napoletana” – Aversa (Caserta)
Lello Ravagnan, Grigoris, categoria “All’italiana” – Mestre (Venezia)
Paolo De Simone, Da Zero, categoria “All’italiana” – Milano
Giorgio Caruso, Lievità, categoria “All’italiana” – Milano
Pierluigi Fais, Frammento, categoria “All’italiana” – Cagliari
Carmine Donzetti, Pizza & Fritti, categoria “Fritta” – Napoli
Teresa Iorio, Le Figlie di Iorio, categoria “Fritta” – Napoli
Andrea Morini, Da Cecio, categoria “All’italiana” – Porcari (Lucca)
Raffaele Bonetta, Pizzeria Ciarly, categoria “Napoletana” – Napoli
Marco Rufini, Casale Rufini, categoria “All’Italiana” – Roma
Ivano Veccia, Da Ciccio, categoria “Napoletana” – Ischia (Napoli)
Angelo Rumolo, Grotto Pizzeria Castello, categoria “Napoletana” – Caggiano (Salerno)
Marco e Antonio Pellone, Pizzeria Ciro Pellone, categoria “Fritta” – Napoli
Franco Gallifuoco, Pizzeria Franco, categoria “Fritti all’italiana” -Napoli
Salvatore Di Matteo, Pizzeria Di Matteo, categoria “Fritti all’italiana” – Napoli
Salvatore Gatta, Pizzeria Fandango, categoria “Napoletana” – Scalera

E per chi non si accontenta di assaggiare, molteplici sono le attività in programma per l’occasione: dai laboratori per grandi e bambini ai pranzi e cene a 4 mani con chef stellati e maestri pizzaioli. Fino ad arrivare agli eventi creati ad hoc per gli operatori ed esperti del settore, con workshop e incontri tecnici con i più grandi maestri della pizza.

Tra gli eventi più esclusivi, i pranzi e le cene a quattro mani di “Maestri in cucina”. Quattro chef stellati incontrano quattro maestri pizzaioli, proponendo un menù con quattro portate in abbinamento allo Champagne Rosé firmato Ruinart. Di volta in volta i 25 ospiti che siederanno nell’unico tavolo pensato per l’evento potranno partecipare a un vero e proprio live show in cui l’arte della pizza incontrerà l’alta cucina in un gioco di scambi e contaminazioni.

Ecco le coppie che si esibiranno durante i tre giorni della Città della Pizza:
– Venerdì 6 aprile, ore 21.00 – Il maestro pizzaiolo Simone Lombardi e Luciano Monosilio, chef del ristorante Pipero di Roma.
– Sabato 7 , ore 13.00 – Ciro Oliva, della pizzeria Concettina ai Tre Santi di Napoli, e Paolo Gramaglia, stellato del President di Pompei.
– Sabato 7, ore 21.00 – Gabriele Bonci di Pizzarium, e Gianfranco Pascucci, titolare di Pascucci al Porticciolo (Fiumicino)
– Domenica 8 aprile, ore 13.00 – Enzo Coccia, della Pizzaria La Notizia (Napoli), e Pasquale Palamaro del ristorante Indaco dell’Albergo della Regina Isabella a Lacco Ameno (Isola di Ischia).

Per chi invece vuole mettere le mani in pasta approfittando di maestri d’eccezione, ci sono i laboratori “A scuola di pizza”:
– Venerdì 6, Gabriele Bonci spiega come realizzare “la pizza in teglia”
– Sabato 7, il re del trapizzino, Stefano Callegari, racconta “l’arte del supplì”. Mentre con l’Associazione Culturale “Il Pane lo porto io” organizza un focus sul lievito madre.
– Domenica 8, l’abruzzese Marzia Buzzanca (Percorsi di Gusto – L’Aquila) mostra la tecnica per ottenere i topping più golosi.
In chiusura, il maestro Ciro Salvo (50 Kalò – Napoli) svela tutti gli arcani sugli impasti.

Ma la pizza si sa, è la passione dei bambini, non soltanto degli adulti. Ecco dunque che La città della Pizza ha organizzato dei laboratori anche per i più piccoli. Sabato 7 e domenica 8, dalle ore 11.00 alle 16.30 nell’area “Kids Lab”, i bambini potranno partecipare ai divertenti laboratori organizzati da Boing (canale 40 del DTT) insieme all’Associazione I diti in pasta, per realizzare, grazie all’aiuto e ai consigli di esperti maestri pizzaioli, tante gustose creazioni (maggiori informazioni su www.boingtv.it).

“I napoletani hanno sempre avuto il loro fast food. Si chiama pizza” – Luciano De Crescenzo

ENGLISH VERSION

“La città della Pizza” returns to Rome with tasty news

The best italian pizza makers. 120 different recipes. Craft brews and italian spumante. All this in one place for a three days avent enterely focused on pizza. This is “La città della Pizza”: Guido Reni District, Rome, from the 6th to the 8th of april. An event in the sign of taste during which it will be possible to meet some of the best italian pizza makers, and above all, taste all kind of pizzas: from the classics: margherita or marinara, to the limited edition conceived for this event.

The participants have been selected by Emiliano De Venuti, creator of La Città della Pizza and CEO of Vinòforum, by journalists Luciano Pignataro, Luciana Squadrilli, Tania Mauri and the master pizza chef Stefano Callegari. The pizza chefs starring this edition will be:
Gabriele Bonci, Pizzarium, categoria “Al taglio” – Roma
Ciro Salvo, 50 Kalò, categoria “Napoletana” -Napoli
Giancarlo Casa, La Gatta Mangiona, categoria “All’italiana”- Roma
Ciro Oliva, Concettina ai Tre Santi, categoria “Fritta” – Napoli
Ciccio Vitiello, Casa Vitiello, categoria “Napoletana” – Tuoro (Caserta)
Petra Antolini, Settimo Cielo, categoria “A degustazione” – Settimo di Pescantina (Verona)
Famiglia Condurro, L’Antica Pizzeria da Michele, categoria “Napoletana” – Napoli
Stefano Vola, Vola Bontà per Tutti, categoria “A degustazione” – Santo Stefano Belbo (Cuneo)
Pierdaniele Seu, Seu Illuminati, categoria “All’Italiana” – Roma
Mirko Rizzo e Jacopo Mercuro, 180g Pizzeria Romana, categoria “All’italiana” – Roma
Cristiano Piccirillo, La Masardona, categoria “Fritta” – Napoli
Francesco Martucci e Sasà Martucci, I Masanielli, categoria “Napoletana” – Caserta
Matteo Aloe e Massimo Giuliana, Berberè, categoria “A degustazione” – Roma
Giuseppe Pignalosa, Le Parule, categoria “Napoletana” – Ercolano (Napoli)
Simone Lombardi, categoria “A degustazione” – Milano
Diego Vitagliano, Diego 10, categoria “Napoletana” – Napoli
Davide Fiorentini, O Fiore Mio, categoria “A degustazione” – Faenza
Edoardo Papa, In Fucina, categoria “A degustazione” – Roma
Isabella De Cham, categoria “Fritta” – Napoli
Graziano Monogrammi, La Divina Pizza, categoria “Al taglio” – Firenze
Filomena Palmieri, Pizzeria Da Filomena, categoria “Al taglio” – Castrovillari (Cosenza)
Massimo Giovannini, Apogeo, categoria “All’italiana” – Pietrasanta (Lucca)
Roberta Esposito, La Contrada, categoria “Napoletana” – Aversa (Caserta)
Lello Ravagnan, Grigoris, categoria “All’italiana” – Mestre (Venezia)
Paolo De Simone, Da Zero, categoria “All’italiana” – Milano
Giorgio Caruso, Lievità, categoria “All’italiana” – Milano
Pierluigi Fais, Frammento, categoria “All’italiana” – Cagliari
Carmine Donzetti, Pizza & Fritti, categoria “Fritta” – Napoli
Teresa Iorio, Le Figlie di Iorio, categoria “Fritta” – Napoli
Andrea Morini, Da Cecio, categoria “All’italiana” – Porcari (Lucca)
Raffaele Bonetta, Pizzeria Ciarly, categoria “Napoletana” – Napoli
Marco Rufini, Casale Rufini, categoria “All’Italiana” – Roma
Ivano Veccia, Da Ciccio, categoria “Napoletana” – Ischia (Napoli)
Angelo Rumolo, Grotto Pizzeria Castello, categoria “Napoletana” – Caggiano (Salerno)
Marco e Antonio Pellone, Pizzeria Ciro Pellone, categoria “Fritta” – Napoli
Franco Gallifuoco, Pizzeria Franco, categoria “Fritti all’italiana” -Napoli
Salvatore Di Matteo, Pizzeria Di Matteo, categoria “Fritti all’italiana” – Napoli
Salvatore Gatta, Pizzeria Fandango, categoria “Napoletana” – Scalera

For those who want more that just taste o eat pizza, there are a lot of activities planned during the event: workshops for adults and kids. Live dinners made in front of you by a chef and a pizza maker. Events specifically created for operators and experts of the branch, with workshops and technical meetings with the best pizza masters.

Among the most exclusive events, the four-handed lunches and dinners of “Maestri in cucina”. Four starred chefs meet four master pizza makers, proposing a four-course menu combined with Ruinart’s Champagne Rosé. From time to time, the 25 guests who will sit in the table designed for this event will be part of a real live show in which the art of pizza will meet haute cuisine in a game of exchanges and contaminations.

Here you are the couples who will perform during the three days of the “Città della Pizza”:
– Friday 6 April, 9.00 pm – Simone Lombardi mastro pizzaiolo and Luciano Monosilio, chef of the Pipero restaurant in Rome.
– Saturday 7, 1.00 pm – Ciro Oliva, of the Concettina pizzeria at the Tre Santi di Napoli, and Paolo Gramaglia, starred chef from the President in Pompeii.
– Saturday 7, 9.00 pm – Gabriele Bonci from Pizzarium, and Gianfranco Pascucci, owner of Pascucci al Porticciolo (Fiumicino)
– Sunday 8 April, 1.00 pm – Enzo Coccia, of Pizzaria La Notizia (Naples), and Pasquale Palamaro of the Indaco restaurant in the Albergo della Regina Isabella in Lacco Ameno (Isola di Ischia).

For those who want to put their hands in the dough by taking advantage of the exceptional masters, may attend at the “A scuola di pizza” workshop

– Friday 6th April, Gabriele Bonci explains how to make “pizza in teglia”
– Saturday 7th April, the king of the trapizzino, Stefano Callegari, tells “l’arte del supplì”. While the Cultural Association “Il pane lo porto io” organizes a focus on yeast.
– Sunday 8, Marzia Buzzanca (Percorsi di Gusto – L’Aquila) shows the technique to get the most delicious toppings. In closing: maestro Ciro Salvo (50 Kalo – Naples) unveils all the arcana of the dough.

Children, as everybody knows, are fond of pizza. That’s why “La città della Pizza” has organized workshops for them.
Saturday 7th and Sunday 8th April, from 11.00 to 16.30 in the “Kids Lab” area, children will be able to participate in the workshops organized by Boing (channel 40 of DTV) together with the Association “I diti in pasta”, to make a lot of tasty creations, thanks to the help and advices of the pizza chefs, (more information on http://www.boingtv.it)

“Neapolitans have always had their fast food. It’s called pizza” – Luciano De Cresce

English version by Francesco Fedele

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: