Il Fico è quasi maturo

Faraonico. Questa la parola che mi è venuta in mente dopo la presentazione di FICO Eataly World, il nuovo progetto di Oscar Farinetti che aprirà a Bologna nell’ottobre 2017.

conferenza fico roma

Ci riprova l’imprenditore langarolo e lo fa ancora più in grande: 8 ettari per la Disneyland della biodiversità italiana, di cui 2 ettari di campi e stalle e 6 con 40 fabbriche, oltre 40 luoghi ristoro, botteghe, un mercato, aree dedicate allo sport, ai bimbi e ai servizi, 6 aule didattiche, 6 grandi “giostre” educative, teatro, cinema, libreria e un centro congressi.

FICO è come l’Arca di Noè: il nostro obiettivo è quello di conservare il tesoro enogastronomico italiano. FICO sarà un grande parco dei divertimenti sull’agroalimentare, un contenitore e un punto di riferimento per tutti quelli che avranno voglia di esplorare e conoscere la nostra biodiversità” spiega Farinetti.

17498967_10212320545629639_9029766027339369479_n

Ristoranti e bistrot, chioschi di cibo di strada e trattorie, caffè e locali “stellati”, luoghi dove far assaggiare tutti gli ingredienti e i piatti della cucina italiana, rappresentando la cultura e la qualità gastronomica del Bel Paese.

Ecco qualche esempio di cosa potremmo trovare al Ristoro di FICO Eataly World: lo stellato Enrico Bartolini-Le Soste, che ospiterà a rotazione cuochi e ristoranti celebri dell’omonima associazione; il ristorante Salumi e Formaggi-Osteria del Culatello, il ristorante La Carne, il Ristorante Bell’Italia;  l’Osteria del Fritto, di Gaetano e Pasquale Torrente, del celebre ristorante “Convento” di Cetara; la Birreria di Baladin, dove la birra appena prodotta innaffia specialità di carne, verdura e street food, l’Acetaia-trattoria gnocco e tigelle, dedicata all’aceto soprattutto balsamico, ma anche la Porchetta “made in Umbria” di Renzini di Norcia; gli Arrosticini abruzzesi di Jubatti Carni; la Frutta gourmand di Gaia; Il San Daniele con prosciutti e i vini del Friuli Venezia Giulia; le specialità de Il Barbeque con Il Mercante delle Spezie di Torino e molto altro.

FICO Eataly World_9.jpg

FICO vuole anche essere un punto di riferimento per promuovere la dieta mediterranea, la salute e il benessere, il rispetto dell’ambiente e la valorizzazione della nostra cultura del cibo.

Da ottobre FICO sarà aperto al pubblico sette giorni su sette, l’ingresso sarà libero, ci saranno una serie di navette dedicate da e per la città di Bologna, l’itinerario potrà essere percorso a piedi o in bicicletta, libero o assistito da ambasciatori della biodiversità italiana.

Dite che questa volta riusciremo a fare bella figura e a far impazzire i turisti?” (cit. Farinetti)

17309578_10212320546069650_1365359109777839426_n

ENGLISH VERSION by Francesco Fedele

Grandiose. That’s how I’d define FICO Eataly World, the new project from Oscar Farinetti which will open in Bologna in october 2017.

Farinetti strikes again and makes it bigger: a sort of Disney land 8 hectares big of italian biodiversity. Two will host fields and stables, six will house forty farms and more than forty activities such as: restaurants, shops, a market, fitness centres, children’s play areas, six laboratories and six great “roundabouts”, a theatre, a cinema, a bookshop and a conference centre.

FICO is like the Noa’s Arch: our goal is to preserve our enogastronomic trasures. FICO will be an amusement park focused on agrifood, a tank and a reference point for all those who will want to explore and know our biodiversity” Farinetti says.

Restaurant and Bistrot, street food kiosks, cafè and places where you can taste all the ingredients and dishes of the italian cuisine representing our gastronomic culture and quality.

Here what you could find at “ Ristoro di FICO Eataly World”:

Enrico Bartolini-Le Soste will host famous chefs and restaurants of the omonimous association, and more such as Salumi e Formaggi-Osteria del Culatello, La Carne, Ristorante Bell’Italia; Gaetano e Pasquale Torrente’s Osteria del Fritto, Baladin freshly brewed beers, l’Acetaia-trattoria gnocco e tigelle, Renzini di Norcia’s “Porchetta”, “Arrosticini” by Jubatti Carni, Gaia “gourmand” fruit, hams and wines from Friuli Venezia Giulia region, specialities from “ Il Barbeque” along with Il Mercante delle Spezie from Turin and a lot more.

FICO wants to be the reference point to promote mediterranean diet, health, well-being, respect of our environment and enhancement of our culture in food.

FICO will be a seven days a week free entry and will open in october 2017. Shuttles will link FICO with Bologna and the itinerary may be run on bicicle too.

Do you think we’ll settle a score on tourists this time?” (cit. Farinetti)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: