Lo Street Food al Pomigliano Jazz Festival

Se siete a Napoli c’è un appuntamento che unisce ottimo jazz con il goloso cibo napoletano, il Pomigliano Jazz! Dal 29 agosto al 13 settembre a Pomigliano d’Arco, in provincia di Napoli, insieme ai concerti jazz verranno proposti diversi Itinerari Enogastronomici per presentare la biodiversità agroalimentare dei territori campani, spesso così “maltrattati”.

degustaviniPer l’edizione 2015 sarà lo Street Food di territorio il protagonista del Festival. Questa è un’antica tradizione napoletana che si è diffusa in tutta la Campania: le caldarroste, i taralli sugna e pepe, il brodo di polpo d’inverno, i panini con la ricotta di fuscella ancora calda, le pizze piegate a portafoglio o fritte, la sfogliatella ed il babà. Il “camminar mangiando” a Napoli e provincia è una grande tentazione a cui è difficile resistere.

BANNER NOTE DI GUSTO

Ad ogni concerto è presente uno Spazio Mercato, in cui i contadini raccontano e vendono le proprie produzioni, e uno spazio Osteria, con degustazioni proposte da chef campani.

devito-rava-taufic_SLIDER-960x380Due settimane impedibili tra ottima musica e buon cibo. Si comincia a Palazzo Mediceo di Ottaviano il 29 agosto con lo svedese Bobo Stenson in trio per continuare con il norvegese Eivind Aarset in quartetto nel del Carcavone, le bocche vulcaniche sul versante settentrionale del Monte Somma a circa 300 metri sul livello del mare, per passare ai 1300 metri con la napoletana Maria Pia De Vito accompagnata dalla tromba di Enrico Rava e della chitarra di Roberto Taufic e finire con il serbo Goran Bregović, solo per fare qualche esempio.

Trovate il programma completo qui:

http://www.pomiglianojazz.com/programma-2015/

Il blues è per il jazz ciò che il lievito è per il pane. Senza di esso è piatto” – Carmen McRae

ENGLISH VERSION

Pomigliano Jazz Is Back! From 29 August to 13 September in Pomigliano d’Arco, near Naples, with jazz concerts offer different Itineraries to present Campania’s food biodiversity.

In 2015 Street Food will be the protagonist of the Festival. Street Food is an old Neapolitan tradition that has spread throughout Campania: roasted chestnuts, pork fat and pepper taralli, the winter Octopus broth, sandwiches with hot ricotta fuscella’s, the pizzas “folded in wallet” or fries, the sfogliatella and Babà. The “walking eating” in Naples and province is a big temptation and it is hard to resist.

During each concert there is a Spazio Mercato, where farmers tell and sell their productions, and a Osteria, to taste chef’s food from Campania.

Two weeks between good music and good food. It begins at Palazzo Mediceo di Ottaviano on 29 August with Swedish Bobo Stenson trio to continue with the Norwegian Eivind Aarset Quartet in the Carcavone, the volcanic vents on the northern slopes of Monte Somma about 300 meters above sea level, or at 1300 meters with Neapolitan Maria Pia De Vito accompanied by Enrico Rava’s trumpet and by Roberto Taufic guitar and ending with the Serbian Goran Bregović.

The complete programme can be found here:

http://www.pomiglianojazz.com/programma-2015/

“The blues is to jazz what is yeast for bread. Without it is flat “-Carmen McRae

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: