Film &Wine by Francis Ford Coppola

Il film “Il Padrino” mi era piaciuto così tanto che ho voluto leggere il libro. A parte alcune differenze con il romanzo di Mario Puzo, autore del libro, credo che sia una delle trasposizioni migliori della storia del cinema. Da qui la mia “passione” per Francis Ford Coppola, regista italo americano, vincitore di premi Oscar, Bafta, Palme d’oro e Golden Globe, uno dei più grandi cineasti della storia del cinema americano.

Francis Ford Coppola però è anche un noto ed apprezzato produttore di vino. Nel 1975, successivamente al successo sorprendente del “Il Padrino”, acquista, in California, un antico Chateau e la tenuta Inglenook. Da subito inizia a produrre vino mantenendo i vigneti originali francesi del 1882, che poi rinnoverà, successivamente, con nuove uve.

129130lIl suo “primo” vino, Rubicon, nasce nel 1975, è un rosso ad uvaggio bordolese, dal gusto deciso ed importante, grazie all’ invecchiamento di 28 mesi in barrique di rovere francese.

I suoi rossi intensi si distinguono per i loro profumo di frutti di bosco, spezie esotiche e vaniglia, mentre i bianchi sono freschi, complessi e fruttati dagli aromi tipici dei sapori della zona. Il successo che riceve, sia “di pubblico che di critica” – anche in questo settore – è notevole, non ultimo il recente punteggio di 90 punti attributi da Robert Parker a diversi vini della Francis Ford Coppola Winery.

In omaggio alla figlia Sofia ed al successo del suo splendido film da regista “Lost in translation”, crea Sofia Blanc de Blancs, un delicato spumante fatto da una miscela di Pinot Bianco, Riesling e Moscato, dagli aromi seducenti e freschi e con un packaging “femminile” e di lezioso – un’anticipazione di Marie Antoniette?

Francis Ford Coppola non smette di stupirci e si “inventa” un modo originale per celebrare il mondo del vino e quello di Hollywood, perché fare cinema è come fare vino, ci vuole creatività, duro lavoro, tempo e passione.

Nel cortometraggio Film &Wine, Coppola unisce queste sue due grandi passioni, cinema e vino, in maniera divertente e intelligente. In un atmosfera anni 40’, la macchina da presa “racconta e mette a confronto” l’arte di fare vino e quella di fare film in un’unica inquadratura divisa a metà. In una divertente simmetria di immagini, un giovane regista ed un altrettanto giovane vignaiolo, lavorano in parallelo alle loro “produzioni”: ai diversi momenti cinematografici corrispondono quelli vinicoli. Solo alla fine, nell’ultima scena, i due protagonisti possono ri-unirsi e brindare con un buon bicchiere di vino, regalandoci emozione, allegria e meraviglia.

“Ragionerò con lui.” Insistette Corleone. – dal film il Padrino

ENGLISH VERSION

I liked the film “The Godfather” so much that I wanted to read the book. I think it is one of the best “reading” of the novel by Mario Puzo, author of the book. So I knew Francis Ford Coppola, director, winner of Academy Awards, BAFTA, Golden Globe and Palme d’Or, one of the greatest filmmakers in the history of American cinema.
Francis Ford Coppola, however, is also a well-known and appreciated wine producer. In 1975, after the surprising success of “The Godfather”, he purchases, in California, the Inglenook former and the Chateau. Immediately he began to make wine keeping the original French vineyards – then renewed with new grapes.
His “first” wine, Rubicon, was born in 1975. It is a red Bordeaux blend, strong and intense taste, thanks to the 28 months of aging in French oak barrels.
His red wines have scent of berries, exotic spices and vanilla, while the whites are fresh, complex and fruity aromas typical of the flavors of the area. The success “of the public and critics” that he receive is remarkable, such as the recent score of 90 points from Robert Parker attributes to different wines of Francis Ford Coppola Winery.
In tribute to his daughter Sofia and the success of her wonderful film “Lost in Translation”, he creates Sofia Blanc de Blancs, a delicate sparkling wine made from a blend of Pinot Blanc, Riesling and Muscat, with seductive and fresh aromas, with a “feminine” and cutesy packaging – a intuition of Marie Antoinette?
Francis Ford Coppola never stop to amaze and he invents an original way to celebrate the world of wine and Hollywood, because filmmaking is like wine, it takes creativity, hard work, time and passion.

In his short Film & Wine, Coppola combines these his two great passions, cinema and wine, in a fun and intelligent mood. The “camera” compares the art of making wine and films in a single separated frame. In an amusing symmetry image, a young director and a young winemaker are working in parallel to their “products”: film moments correspond to the different moments of wine. Only at the end, in the last scene, the two protagonists can re-unite and toast with a red glass of wine, giving emotion, joy and wonder.
“Will reason with him.” Insisted Corleone. – From the movie the Godfather

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: