Un pranzo speciale a Roma

Un giorno mi è arrivato un invito per un pranzo “insolito”: i ragazzi dell’istituto Pellegrino Artusi di Roma avrebbero cucinato e gestito la sala per me e gli altri ospiti il 20 gennaio.

Ieri era il “gran giorno”. Gli allievi, visivamente emozionati, ci hanno accolto con un sontuoso Gin Tonic con erbe aromatiche, spezie e campari liofilizzato per poi procedere con un menù interessante e importante se pensiamo che l’età media era di 16/17 anni!

I ragazzi, scortati dai due insegnanti padri di questo pranzo originale, si sono mossi bene, tra sguardi sfuggenti per la timidezza, posture impacciate, tensione per la paura di fare errori ed ansia nel carpire le sensazioni dai volti di chi mangiava i loro piatti, attenti a cogliere commenti, pazienti nel loro lavoro.

Panzanella rivisitata con alici e tartare di tonno con puntarelle / Panzanella revisited with anchovies and tuna tuna with chicory

Sushi di baccalà / Sushi with cod

20150120133846899Ravioli di bufala all’arrabbiata

20150120135431457Trancio di ombrina con brodo di provola e gelato ai piselli / Slice of croaker with broth cheese and ice cream peas

Pre dessert Créme Brùlée alla liquirizia/ Liquorice Créme Brùlée 

20150120142602610Cupola a sorpresa / Surprise “Dome

Il risultato è stato buono, con qualche pecca dovuta alla giovane età e all’ inesperienza, ma volontà e determinazione erano nell’aria, nelle loro parole, ambizioni e negli sguardi sognanti del loro futuro.

Oltre al gradevole pranzo in un contesto che ci ha fatto tornare a scuola per un giorno, è importante vedere – finalmente! – che “se le istituzioni e noi tutti ci mettiamo del nostro, le cose non possono che migliorare e funzionare bene” come ci dice Enrico Camelio, il professore sempre entusiasta di nuovi progetti per i suoi ragazzi.

“Il compito del moderno educatore non è di disboscare giungle, ma di irrigare deserti.” – C.S. Lewis

ENGLISH VERSION

One day I received an invitation for a lunch “unusual”: the boys of the institute Pellegrino Artusi of Rome would have cooked for me and the other guests in the 20 January. Yesterday was the day. Students, visually excited, greeted us with a tasty GinTonic with herbs, spices and Campari lyophilized and then they proceed with an interesting and important menu – their age was 16-17 years!
The students, escorted by two teachers, fathers of this original dining, moved well, between shifty looks for shyness, awkward postures, live in fear of making mistakes and anxiety waiting the sensations from the faces of the guests who ate their plates, ready to understand the comments, patients in their work and “role”.
The result was good, with fault due to the young age and to inexperience, but the will and determination were in the air, in their words, in their ambitions and in their looks dreaming for the future.
Besides the pleasant lunch in a context where “we go back to school for a day”, it is important to understand – finally! – that “if the institutions and we work well, all things can only work well” as Enrico Camelio told us – he is the professor always excited about new projects for his students.
“The task of the modern educator is not to deforest jungles, but to irrigate deserts.” – CS Lewis

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: