“Roma 1914” ai Mercati di Traiano di Roma

Sabato 8 marzo, a Roma, nei splendidi e celebri Mercati di Traiano, in occasione del centenario della nascita della “Ditta Berardino Santarelli e Figli”, c’è stata la visita guidata alla Mostra dedicata alla città con gli “archivi” storici di famiglie e imprese romane.

Fotografie d’epoca, cartoline, documenti, decreti, lettere e oggetti del tempo, musica, film, eventi e omaggi di arte contemporanea, hanno riprodotto l’atmosfera di un’epoca, in un percorso articolato che spazia tra archeologia, arte, storia, urbanistica, costume e gusto di Roma e dove si rivivono le tappe più importanti vissute dalla famiglia Santarelli e della loro azienda agricola Casale del Giglio, all’avanguardia nel panorama vitivinicolo dell’Agro Pontino.

Ma anche i materiali dell’Associazione Negozi Storici di Eccellenza di Roma: Alfredo alla Scrofa, Antico Caffè Greco, Babington’s, Bedetti, Bertoletti, Caleffi, Fassi, Giolitti, Stilo, Fetti, Tebro con utensili del ristorante, bozzetti di moda, fotografie di attività, spille, registratori di cassa, libri degli ospiti, borsette, occhiali, indumenti di quegli anni oggi divenuti memoria storica.

Uno spazio interessante, allestito anche con foto e filmati, è quello della Fondazione della famiglia “Dino ed Ernesta Santarelli”, che dal 2008 opera nel mondo dell’arte e della cultura romana attraverso iniziative, pubblicazioni ed esposizioni.

Nel percorso espositivo si illustra anche il “Progetto Archeologico di Satricum”, oltre trent’anni di ricerche e scavi nei territori attigui all’azienda Casale del Giglio che hanno portato all’individuazione della “Via Sacra” che conduceva al Tempio della Mater Matuta e al ritrovamento di un calice in ceramica usato per il vino risalente al V secolo a.C., facendo luce sulla cultura enoica legata a queste terre fin dai tempi più antichi.

Lungo il percorso della Mostra abbiamo degustato le selezionate etichette di Casale del Giglio in abbinamento alle particolari “suggestioni” della Cucina Romana ideate dallo Chef Alessandro Circiello e sapientemente preparate da Palombini.

E per concludere c’è stata la proiezioni del film di Pupi Avati, presente in sala, del film”Una gita scolastica” che rievoca proprio il 1914.

Un serata glamour e deliziosamente “gustosa”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: