Corrado Assenza

Un paio di anni fa ho avuto il privilegio di conoscere Corrado durante Pizza Up presso il Molino Quaglia. Mentre i pizzaioli preparavano gli impasti, io osservavo lui, in cucina, che preparava i vari topping per le pizze. Da subito mi hanno incuriosito due cose: sorrideva spesso e rispondeva serenamente ad ogni mia domanda, invitandomi ad osservare, annusare, assaggiare, pensare. Sapevo che era un pasticcere, ma in realtà si è rivelato anche cuoco, agronomo, grande conoscitore delle materie prime e divulgatore di sapere.

Già allora, ed ogni qual volta che ci siamo incontrati, gli dicevo che prima o poi sarei andata a Noto… e finalmente l’ho fatto!

20130521_094553Arrivare al Caffè Sicilia è stata per me una bellissima emozione! Ma non era che l’inizio di cinque indimenticabili giorni!

Il locale è intimo, antico e moderno, fresco e caldo allo stesso tempo.

Profumi e colori, dolci, gelati, bevande e ogni possibile golosità sfilano davanti agli occhi ininterrottamente.

Il Caffè Sicilia ti coccola con le sue delizie e ti fa sognare con lui. Il suo omonimo braccio destro Corrado, la giapponese Reiko, il figlio Ciccio e Luca, con lui in laboratorio, ma anche la moglie Nives e tutto il personale, attento, efficiente e preparato in negozio.

Si respira armonia, ci si rilassa, si entra in uno spazio amabile, si è coccolati, sei nel regno del dolce e si sta molto bene!

Con Corrado ho chiaccherato, scoperto la sua bellissima storia, riso. Sono entrata nel suo laboratorio in punta dei piedi… un susseguirsi di stanze, corridoi, tavoli di marmo, bilance, un piccolo giardino per le erbe aromatiche e qualche frutto. Tutto è naturale, organizzato, ordinato e dinamico.

Corrado ama la Sicilia, la sua terra e di questo ne fa tesoro. A volte mi sembra un monaco zen riflessivo e sereno, altre un folletto che non sta mai fermo. Esplora, conosce, cerca, chiede, si domanda, analizza, prova, sperimenta, osserva, viaggia, si muove ma, soprattutto, divulga. Non ha paura di trasmettere il suo sapere, che è tanto, e di far capire quali sono i suoi valori e perché sono importanti. Lavora con i prodotti della terra, che devono essere valorizzati, conservati, tutelati, lavorati nella giusta maniera, senza esasperare le coltivazioni, con un occhio di riguardo a ciò che sta scomparendo, come la fragolina di Noto, andando lui stesso a cercare le materie prime, intervenendo in prima persona dove può vedere margini di miglioramento e di qualità, ascoltando e collaborando senza mai tirarsi indietro.

Mi ha portato a scoprire un magnifico territorio, a conoscere persone che hanno voglia di fare, di raccontarsi, di progredire, di far emergere ciò che sono e sanno fare, un gruppo che ha capito e deciso di seguire ciò che lui sta facendo da anni e che è diventato il loro “consulente”, mentore, amico.

Corrado sta facendo un gran bel lavoro, ci crede, c’è sempre, non si tira indietro,ha passione, è curioso, non teme la fatica, è accogliente, ama ciò che fa e fa stare bene gli altri.

Se c’è qualcuno che è bravo o ha dei numeri, è capace e sta lavorando per ottenere qualcosa di buono e di nuovo, conquista lo conosce e la sua fiducia. Sicuramente lui te ne parlerà e farà in modo che tu possa conoscerlo, perché per Corrado la cultura, la coscienza e la formazioni sono molto importanti.

A tutti consiglio di iniziare la giornata qui, tra un delicato latte di mandorla di Noto di produzione propria, un cappuccino meraviglioso, la magnifica tortina Savoia fatta di frolla, cioccolato e gianduia, i leggerissimi frollini di farina integrale elimone cacao o nocciola, il goloso cannolo con ricotta di pecora, le deliziose granite, i semplici biscotti di mandorla e arancia o mandorla e fava di cioccolato o mandorla ed erbette, il fragrante Pan di Iblei, i gelati più sfiziosi, tra cui la siciliana Terra Nostra, pistacchio mandorla, pan di Spagna e canditi, o la dolce Pagnottella, gelato alla crema vaniglia, chiodi di garofano, cannella, arancia e limone candito o la sublime torta Viennese, gelato al cioccolato, caffè, panna montata e copertura di cioccolato fondente…. e il giorno sembrerà più splendente!

Per me, golosa di gelati,  è stato meviglioso mangiarne a tutte le ore, nei gusti più veri, ricercati ed unici… come Corrado!

20130519_093900Lo sai perché mi piace cucinare?” “No, perché?” “Perché dopo una giornata in cui niente è sicuro, e quando dico niente voglio dire n-i-e-n-t-e,  una torna a casa  e sa con certezza che aggiungendo al cioccolato rossi d’uovo, zucchero e latte l’impasto si addensa: è un tale conforto!Meryl Streep –dal film “Julie & Julia”

Un commento

  1. Bellissimo questo post.
    Si vede che Corrado inspira cose buone, luce e positività.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: